giovedì 13 ottobre 2011

Buoni propositi (rivalutazione della sorelle Brönte)

Salve a tutti, 

il post di oggi scaturisce da una mia lunga ed attenta riflessione degli ultimi giorni... L'uscita del nuovo film "Jane Eyre" con Mia Wasikowska e Michael Fassbender mi ha fatto riflettere circa la produzione letteraria delle sorelle Brönte
Devo ammettere che fino ad ora ho letto soltanto "Cime Tempestose" di Emily Brönte, a scapito anche delle opere delle altre due sorelle perché  diciamocelo, "Cime tempestose" mi ha inorridita. 
Ci ho messo un lasso di tempo spropositato per finirlo e l'ho interrotto più di una volta (ma anche più di cinque) perché tutti i personaggi mi facevano innervosire oltre misura (l'unico che era riuscito ad irritarmi così tanto era stato solo Svevo con "La coscienza di Zeno"). 
Reduce da quell'esperienza mi sono rifiutata a lungo di leggere una qualsiasi altra opera di una qualsiasi Brönte. 
A quanto pare però ho scoperto di essere probabilmente l'unica persona sulla faccia della terra a non aver apprezzato "Cime tempestose", da tutti considerato un caposaldo della letteratura e del romanticismo, quindi inizio a pensare di essere stata un po' precipitosa (no, senza'altro lo sono stata). 

Veniamo ora ai buoni propositi frutto dei miei arrovellamenti degli ultimi giorni:

-Innanzi tutto leggere "Jane Eyre" (con l'intima speranza che Charlotte sia un po' più allegra della sorella Emily)

-Rileggere "Cime tempestose": forse mi è sfuggito qualche passaggio estremamente romantico che cambierà la mia esistenza, chi può dirlo?

-Dare un'occhiata alle opere cinematografiche tratte da questo libro. Sarà una bestialità per molti, ma penso che qualche volta guardare le opere tratte aiuti ad avere una sorta di 'visione d'insieme' diversa riguardo anche il libro...

Per il primo e l'ultimo proposito non dovrei avere grossi problemi...Per quanto riguarda il secondo, non saprei. Ci vorrà un grosso sforzo di volontà per riprendere in mano quel libro, ma potrebbe valerne la pena.

Wish me luck, 
Serena


Nessun commento:

Posta un commento