martedì 11 ottobre 2011

Recensione: "Blue" di Kerstin Gier


TITOLO: Blue
AUTORE: Kerstin Gier
EDITORE: Corbaccio
PREZZO: €16.60

GIUDIZIO:

TRAMA:
"Molto probabilmente il mio organismo aveva prodotto più adrenalina negli ultimi giorni che nei sedici anni precedenti. Erano successe così tante cose e avevo avuto così poco tempo per riflettere" Gwendolyn ha tutte le ragioni di questo mondo per pensarla così. Ha appena scoperto di non essere una normale ragazza londinese, bensì una viaggiatrice nel tempo che i Guardiani - una setti segreta che ha sede nel dedalo di vie intorno a Temple Church - inviano nelle epoche passate per prelevare una goccia di sangue dai dodici prescelti e completare il cronografo, una missione da cui dipende il destino dell'umanità. Peccato che la sua famiglia non l'avesse informata perché tutti erano convinti che la predestinata fosse l'odiosa cugina Charlotte e peccato che, di conseguenza, Gwen avesse trascorso gli ultimi sedici anni della propria vita a studiare (poco), giocare (molto), chiacchierare e divertirsi con le amiche come ogni ragazza. Mentre avrebbe dovuto imparare a tirare di scherma, ballare il minuetto, apprendere nozioni di storia universale e conversare in modo appropriato con l'aristocrazia del Settecento. Quasi tutto, nella sua nuova situazione, la infastidisce: essere sballottata avanti e indietro nei secoli, la supponenza mista a invidia della cugina Charlotte, la noia delle lezioni di ballo e portamento... Poche cose le piacciono: il piccolo gargoyle fantasma Xemerius, che solo lei Gwen può vedere e, naturalmente, il suo compagno di viaggi nel tempo: Gideon, bello da morire...

RECENSIONE:
Kerstin Gier ha colpito di nuovo nel segno e con questo secondo romanzo conferma le sue doti di narratrice accattivante e spiritosa. Due caratteristiche che ho riscontrato con piacere sono la semplicità della narrazione e la complessità dell'intreccio temporale. Può sembrare un controsenso, ma non è affatto così. Da una parte abbiamo un linguaggio semplice e diretto, che racconta le vicende dal punto di vista della protagonista (Gwen) con uno stile diretto e spiritoso; dall'altra un intreccio di avvenimenti e salti avanti e indietro nel tempo contorti (nel senso buono) e imprevedibili, nonchè (almeno per ora) davvero ben costruiti che rendono il tutto ancor più intrigante e misterioso. E' uno di quei libri che appena terminato ti fa dire: "NOOO! Datemi il seguito!!". C'è qualcosa in questo libro che secondo me lo rende trasversale: probabilmente pensato per giovani lettori è però perfettamente godibile anche dagli adulti. Le premesse impostate fin'ora sono davvero ottime e spero caldamente che la Gier riesca a concludere col botto, come promesso.
Quattro stelline per questo nuovo, piccolo caso editoriale. 

Buone letture,
Serena

Nessun commento:

Posta un commento