lunedì 17 ottobre 2011

Recensione: “Due di troppo” di Janet Evanovich



TITOLO: Due di troppo
AUTORE: Janet Evanovich
EDITORE: TEA (ed.tascabile)
PREZZO: €8.60
GIUDIZIO: ☆☆☆

TRAMA:  
Irresistibile, magnetica, divertente, Stephanie torna con la sua seconda avventura, in cui è alle prese con Kenny Mancuso, un ragazzo come tanti che probabilmente ha appena ammazzato il suo migliore amico. Ancora una volta finirà per scontrarsi con Joe Morelli, poliziotto dal discutibile passato e dalla libido costantemente su di giri, con la cattiva abitudine di immischiarsi negli affari di Stephanie. Anche se in questo caso viene il dubbio che sia lei a finirgli tra i piedi, rendendogli il lavoro difficile e dando alla sua vita quel brivido in più, che certo non gli mancava. Non è professionale, ma è molto convinta, non è bella però è sexy, più che coraggiosa è assolutamente incosciente, e ha un fiuto infallibile per i guai: Stephanie Plum è un'antieroina a cui ci si affeziona a suon di risate e per cui si tifa dalla prima all'ultima pagina. 

RECENSIONE:
Nuova avventura per la cacciatrice di taglie più piantagrane della letteratura. Ancora una volta Stephanie Plum si ritrova coinvolta in un caso ben più grande di lei e, ancora una volta,  si rifiuta di mollare l’osso. Armata di una Smith&Wesson 5 colpi, della sua incoscienza e del peculiare ‘dono’ di attirare guai (soprattutto sottoforma di sociopatici violenti) Stephanie insegue senza sosta il suo uomo. Nel frattempo, ovviamente, si diletta anche nel proseguire l’eterna battaglia dei sessi con la spina nel fianco più sexy del New Jersey: Joe Morelli.
Questo secondo romanzo della Evanovich prosegue piacevolmente sulle linee guida tracciate con “Bastardo numero uno”: la storia è lineare ed intrigante (forse in quest’occasione anche un tantino più prevedibile), la protagonista eccezionale, i comprimari ben costruiti e l’ironia irresistibile.
Quattro stelline per tanta suspance e divertimento.
[Spoiler alert: gran colpi di scena per tutti i fan di Nona Mazur…]


A presto,
Serena

Nessun commento:

Posta un commento