sabato 21 aprile 2012

Abbandono Black Friars

Buongiorno a tutti,
oggi mi limito ad un post di rinuncia.
So che per molti lettori l’abbandono di un libro è un oltraggio, ma non ce la faccio proprio.
Il libro in questione è “Black Friars – L’ordine della spada” di Virginia De Winter.


Me lo sono fatto prestare da un’amica qualche mese fa (e con ‘qualche’ intendo ‘tantissimi’), allettata da tutta la pubblicità che girava intorno al prequel “Black Friars – L’ordine della chiave” e … beh, da allora ci ho provato e riprovato, ma non riesco ad andare avanti. Sembra che gravi una maledizione su questo libro: ogni volta che decido di leggerlo succede qualcosa per cui devo interrompermi per un sacco di tempo, così mi dimentico gli avvenimenti e perdo qualsiasi tipo di coinvolgimento … Ormai quando lo prendo in mano mi si abbassano automaticamente le palpebre e non leggo più di 10 pagine. Non so se è per lo stile di scrittura, per una mia mancanza di interesse per gli eventi narrati o per l’esasperazione dovuta a tutte queste interruzioni, fatto sta che non riesco a concluderlo e anzi, ogni volta che penso di leggerne un pezzo, mi viene lo sconforto.
Non la migliore premessa per la lettura di un libro, no?
Quindi ora basta, è giunto il momento che il libro torni nelle mani della legittima proprietaria, con tante scuse per il ritardo. Per riprenderlo penso che aspetterò di ritrovare la voglia e l’ispirazione (chissà, magari l’uscita del volume successivo mi darà la spinta giusta…), ma per il momento mi arrendo.

Serena

2 commenti:

  1. Per me è lo stesso! Neanche l'ho finito, sono arrivata fino a pagina 500, ma non ce la facevo più. Mi dispiace dirlo, ma erano sette giorni che leggevo ma non riuscivo ad appassionarmi e la storia non riusciva a prendermi. Dopo due pagine che leggevo mi annoiavo, e mi mettevo a pensare ad altro... Quindi anche per me è no. :-( Ciao! :D

    RispondiElimina
  2. Io non vedo affatto l'abbandono di un libro come un oltraggio ò_ò la lettura dev'essere piacere e coinvolgimento, sennò è uno spreco di tempo. Hai fatto bene.
    Per il libro in sé, non ho nulla da dire, non l'ho letto e al momento non ho intenzione di farlo.

    RispondiElimina