mercoledì 10 ottobre 2012

Breve recensione: "10 cose che abbiamo fatto" di Sarah Mlynowski

TITOLO: 10 cose che abbiamo fatto (e forse non avremmo dovuto)
AUTORE: Sarah Mlynowski
EDITORE: De Agostini
PREZZO: € 14.90

TRAMA:
Se ne avesse la possibilità, quale sedicenne non coglierebbe l'occasione di vivere per conto proprio? E se per farlo bisogna dire una piccola bugia, che male c'è? È questo quello che pensa April, trasgredendo alla prima regola (Non mentire ai genitori) del decalogo che suo padre ha stilato quando le ha dato il permesso di trasferirsi a casa di Vi, la sua migliore amica. Lui, infatti, è convinto che a occuparsi di sua figlia ci sarà la madre di Vi. Ma le due ragazze sono pienamente in grado di badare da sole a loro stesse! E in che modo finiranno per bigiare le lezioni (regola n. 3), organizzare un party (regola n. 8), comprare una jacuzzi (regola n. 4) e dare asilo a un latitante (regola n. 7) è un mistero.

RECENSIONE:

Quando si parla di un libro ‘leggero’ è esattamente a questo genere di libro che penso.
La storia è semplice e lineare (per quanto poco verosimile): la sedicenne April , pur di evitare di trasferirsi con il padre e la nuova moglie in una nuova città, riesce a convincerlo a lasciarla a vivere a casa della migliore amica Viola… peccato che la madre di Vi sia davvero poco affidabile e soprattutto per nulla presente.
April e Vi cominciano quindi la loro convivenza da adolescenti libere e (semi-)responsabili commettendo tutti gli errori e le leggerezze che la giovane età la neo-indipendenza consentono loro e sempre, incredibilmente, cavandosela per un soffio.
Quindi, guardiamoci negli occhi e diciamoci la verità: i contenuti del libro sono pressoché nulli. Attenzione però, la mia non vuole necessariamente essere una critica, ma un dato di fatto. Leggere questo libro è un po’ come guardare uno di quei film per teen-ager il sabato pomeriggio: rapido, indolore, inconsistente e (in questo caso, per fortuna) anche simpatico.
Forse l’autrice cercava di comunicarmi che una grande indipendenza porta a grandi responsabilità?
Beh, direi che il messaggio è andato perso tra l’acquisto impulsivo della vasca idromassaggio e la sfrenata festa di compleanno al punch corretto, proprio dietro la pila di condom ai gusti misti. 



Buone letture!
Serena

2 commenti:

  1. ciao, ho scoperto solo oggi il tuo blog :) carinissimo, mi sono aggiunta come lettore.
    se vuoi fare un salto da me c'è anche un giveaway in corso
    www.illibrochepulsa.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la visita, contraccambierò senza dubbio ^^
      E benvenuta su The Reading Corner!

      Elimina