lunedì 8 luglio 2013

Mini-recensioni: Serena VS le commedie romantiche


Mettiamo subito le cose in chiaro. Non voglio fare un post “contro”, ho scelto il titolo solo perché mi piaceva come suona.

Semplicemente, nei mesi, ho accumulato un sacco di mini-recensioni dei vari filmettini che mi capitava (più o meno volontariamente) di vedere, e ora ne approfitto per ammorbare anche voi, cari lettori.
Se qualcuno ha mai letto il mio blog prima d’ora, avrà capito che questo non è esattamente il mio genere di punta, sono sempre stata un po’ insofferente alla ‘zuccherosità’ di certe commedie americane, ma questo non mi impedisce di apprezzarne qualcuna.
Anche se nella maggior parte dei casi non ci siamo, la qualità generale tende allo scadente.

E ora, una piccola panoramica di prime mini-recensioni:

“Killers”

Partendo dal presupposto che un film che ha come protagonisti Ashton Kutcher e Katherine Heigl non può portare nulla di buono, bisogna analizzare il resto della commedia senza pregiudizi (sì, va beh).
I due protagonisti, oltre che essere ridicolmente attraenti, non hanno nessun merito e pochissima chimica… ma questo non è ancora un crimine, credo. Certo però che scegliere male i protagonisti di un film romantico è quasi un peccato capitale…
Ma la cosa che mi ha lasciata davvero scocciata è la pochezza della scrittura. La trama era davvero, davvero idiota
Tutto parte quando il killer Spencer (Ashton Kutcher), durante una missione, ha un colpo di fulmine con la bella Jen (Katherine Heigl), quindi decide di appendere il silenziatore al chiodo e di mettere radici con la nuova fiamma. Dopo qualche anno di matrimonio  però, il vecchio capo di Spencer torna a farsi vivo e una serie di killer cercano (senza apparente motivo) di uccidere i due sposini. E fin qui posso ancora accettarlo. Oddio, è prevedibile fino allo scoramento, ma posso farmene una ragione. Ma allora perché questo film mi ha così inorridita? Forse per le gag da quattro soldi di cui era disseminato? Forse perché Katherine Heigl non ha fatto altro che strillare come un’oca per la maggior parte del tempo? Forse perché la trama era talmente scontata che quelli di Italia1 non si sono nemmeno curati di togliere la scena che spiega tutto, dallo spot televisivo? O perché la suddetta spiegazione finale era assolutamente priva di senso?
Alla fine infatti *spoiler* si scopre che tutti i killer che li avevano inseguiti fino a quel momento (e che erano morti malissimo) non erano che spie inviate dal di lei babbo, anche lui spia, che non si fidava del genero.
Il tutto si conclude con una riappacificazione famigliare e una serie di scenette patetiche che vorrebbero essere divertenti.
Come scusa? Sono morte decine di persone perché un vecchio rimbecillito non si fidava del genero?? Avete almeno tre cadaveri freschi freschi in casa, e voi vi mettete in salotto a fare terapia di gruppo?
Ma siamo completamente fuori?
Terribile. Davvero terribile.



“La dura verità”

C’è di nuovo Katherine Heigl. E va beh. Ma Gerard Butler? Perché? PERCHE’??
Gerard, tu ammazzi Persiani e …. non puoi fare lo sboccato cascamorto e poi, come se non bastasse, *spoiler dichiarare tutto il tuo amore a Katherine Heigl su una mongolfiera. Ecchecavolo.*

La trama, anche qui, riprende elementi già visti, ma non ancora letali: Abby è una donna in carriera insicura, maniaca del controllo e in attesa dell’irrealizzabile principe azzurro, Mike (Gerard Butler) invece è il sessista e sboccatissimo conduttore di una trasmissione su un canale minore. Per motivi di share i due si vedono costretti a collaborare sul lavoro, e Mike decide di provare alla sdegnosa Abby che i suoi volgari metodi funzionano, guidandola alla conquista del classico buon partito di turno.
*spoiler(?!?)*
Che il suo piano gli si ritorcerà contro e che lui finirà col redimersi e innamorarsi di lei, non sto nemmeno a dirvelo perché è un finale tassativo.
Lo svolgimento del tutto ha un che di abbastanza piacevole, ma sia ben chiaro che non siamo di fronte ad un capolavoro. E Katherine Heigl è sempre irritante, mi spiace.

P.S: il genio di regista dietro a questa pellicola è Rob Luketic, che l'anno successivo dirigerà..."Killers". Esatto.



“Ricatto d’amore”

Questo è stato il film con il maggiore incasso in America nel 2010. Quell’anno Sandra Bullock ha vinto un Oscar.
Lo so, sono informazioni randomiche, ma davvero non so come altro commentare.
Il solo fatto che avesse incassato una cifra esorbitante in patria mi aveva spinto guardarlo, per pura curiosità. Ma infatti devo dire che il risultato finale non era affatto così terribile come avrei detto dal trailer… Chiaramente la storia non è particolarmente originale o ricca di colpi di scena (ma ormai chi se li aspetta in una commedia romantica?), è piena zeppa di gag telefonatissime e un tantino imbarazzanti (di quelle classiche americane che a me non sconfinferano), ha un finale zuccheroso come una mela caramellata,… ma alla fine si lascia guardare. Più o meno.
Che poi, a me Ryan Reynolds non piace e mi sembra faccia sempre la stessa espressione da bietolone, e la melassa finale mi ha quasi stesa, ma in fin dei conti Sandra Bullock è simpatica e si sa che lei è la regina della commedia romantica. Quindi…



E voi che rapporto avete con le commedia romantiche? Le amate, le odiate o le usate come me per staccare la spina dal troppo studio?

Serena

2 commenti:

  1. Io le amo le commedie romantiche! La prima non l'ho vista, ma la Heigl solitamente mi piace, anche se La Dura Verità è forse uno dei suoi film che ho gradito meno. Come si fa a innamorarsi di Gerald Butler? Non l'attore ovviamente, ma di quell'animale sessista che interpreta xD Però si vede bene, ti fai due risate e ti rilassi.
    Idem per Ricatto d'Amore, la Bullock nelle commedie mi piace nonostante non sia una delle mie attrici preferite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima non te la consiglio proprio.
      Le altre due non erano terribili, ma certo ho visto di meglio. Il problema è che ho visto anche molto di peggio...
      Chissà perché non riesco a trovare una commedia che mi faccia ricredere sul genere... Consigli?

      Elimina