lunedì 19 agosto 2013

Recensioni mordi-e-fuggi

Questa sotto-rubrica nasce sostanzialmente necessità. Date le recenti esperienze mi sono resa conto che la mia routine è diventata troppo frenetica per riuscire a curare tutte le recensioni come vorrei. Spesso infatti mi capita di attraversare periodi di intensa lettura, durante i quali leggo moltissimi romanzi e vari, ma ho pressoché nessuna voglia di recensirli. Non perché non siano belli, ma piuttosto perché se non mi sento ispirata, oh, non c'è nulla da fare. Quindi, piuttosto che rimandare per una anno e poi dover ri-recuperare il libro perché non mi ricordo più nulla (e non mi va di scrivere recensioni scadenti, così a casaccio), ho pensato di inaugurare questo nuovo format nel quale raggrupperò un tot di mini-recensioni di libri che ho letto e che ho dimenticato di recensire o sui quali non ho moltissimo da dire. Spero in questo modo di evitare imbarazzanti accumuli e ritardi, e allo stesso tempo di far cosa a voi gradita.
Fatemi sapere il vostro feedback a riguardo! (Per esempio: ci piace - troppo brevi - vogliamo altri approfondimenti....) A fronte di particolari richieste sono dispostissima a fare un focus più approfondito su titoli che trovate particolarmente interessanti.
I primi due libri che mi sono venuti in mente sono:

Stephanie ammazza 7
di Janet Evanovich




Non c'è nulla da fare: Stephanie Plum è sempre Stephanie Plum.
Unica e irresistibile, con fuorilegge sempre più assurdi e i comprimari più meravigliosamente comici che si possano immaginare.
Crea assoluta dipendenza.
Ed è inutile recensirlo: andatevelo subito a leggere. Subito.

Tutte le ragazze lo sanno


Colazione con Audrey
di Sam Wasson



Questo è uno di quei libri per “gli amanti del genere”. Racconta la storia di Audrey Hepburne, pubblica e privata, ma soprattutto le sue scelte lavorative (a volte –per fortuna- un po’ azzardate), le idee controcorrente dell’autore del racconto d'origine Truman Capote e tanti retroscena più o meno glamour dell’icona del cinema “Colazione da Tiffany”
Ce n’è un po’ per tutti i gusti. Certo però che se si è di quelli che “e chi è questa Tiffany?” e che “i film ci piacciono solo con le esplosioni”, allora non è proprio il caso di cominciarlo. Tanto interessante, ma ha un suo pubblico.






A presto,
Serena

4 commenti:

  1. Ma che idea carina!
    Io non mi ero mai posta il probelma, a scrivere la recensione trovavo sempre tempo e vogli.. Ultimamente invece rimando spesso di un sacco di giorni!
    Anche io ho accarezzato l'idea di fare come te.. :D
    Poi un po' mi prende il senso di colpa XD

    Ahhh, la Evanovich! Io sono arrivata al quindo :')

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm...Ultimamente la pigrizia la fa un po' da padrone da queste parti... XD
      Questo è il mio modo per soffocare un po' il senso di colpa per non aver trovato subito il tempo per scrivere le recensioni.

      Elimina
  2. Oddio >.> io ho in arretrato 20 recensioni!!!! O.O oddio mi sta venendo un malore pensavo fossero di meno ahahahahhahahah XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapere che siamo sulla stessa barca mi rincuora ;D

      Elimina