lunedì 14 ottobre 2013

Recensione: "Anna vestita di sangue" di Kendare Blake

TITOLO: Anna vestita di sangue
AUTORE: Kendare Blake
EDITORE: Newton Compton
PREZZO: €12.90

TRAMA:
Cas Lowood ha ereditato una strana vocazione: uccidere i morti... Suo padre lo faceva prima di essere ucciso dal fantasma che stava cercando di annientare. E ora Cas, armato del misterioso pugnale athame, continua la missione: viaggia di città in città insieme alla madre, una strega, e al suo gatto fiuta-fantasmi, alla ricerca di spiriti malvagi. Quando arrivano a Thunder Bay per eliminare quella che la gente del posto chiama "Anna vestita di sangue", Cas non si aspetta nulla di diverso dal solito. Si trova invece di fronte a una ragazzina posseduta dalla rabbia e vittima di maledizioni, uno spirito diverso da quelli che è abituato a distruggere. Indossa ancora il vestito che aveva quando fu assassinata, nel 1958. Dal giorno della sua morte, Anna uccide chiunque osi entrare nella dimora vittoriana vecchia e cadente in cui un tempo viveva. Gli spiriti delle sue vittime penetrano il legno marcio delle pareti, strisciano sul pavimento ammuffito e viscido delle cantine, senza trovare pace... Per qualche strano motivo però, Anna non uccide Cas. Anzi, si rivela l'unica in grado di aiutarlo a trovare il fantasma maligno che lo ha privato del padre. Così, insieme agli altri strani amici del giovane, streghe e stregoni in erba, formeranno una squadra disposta ad affrontare ogni pericolo. Ma Cas dovrà risolvere un problema ancora più difficile di questo: quale sarà infatti il destino di Anna?

RECENSIONE:

E finalmente dopo una anno ecco la recensione! Hurray!
Ragazzi, lo so che avevo promesso questa recensione diversi mesi fa, ma... non ci riesco.
Ogni volta che mi metto al pc (o al blocco-appunti) per buttare giù due righe, rimango inevitabilmente impantanata nel nulla. E' come se questa recensione non volesse uscire fuori... Ma adesso basta: si scrive.

Chissà perché tutta questa fatica. Forse perché le aspettative erano tante e tali... e diciamocelo: non sono state del tutto soddisfatte. 
Se devo essere sincera, prima di cimentarmi -finalmente- nella scrittura di questa recensione, mi sono fatta un giro in rete per sondare i pareri delle mie colleghe blogger: nel 90% dei casi mi sono trovata di fronte a recensioni costellate di stelle come il firmamento. Ma la cosa davvero strana è che più leggevo di tutti gli elementi così apprezzati in quei post entusiastici, più mi ritrovavo spaesata. 
Ma ho letto anche io lo stesso libro?
Con questo non voglio dire che il libro fosse brutto o noioso, ma nemmeno lo reputo così memorabile.

Per prima cosa: l'elemento horror. Effettivamente le descrizioni di fantasmi, mostri, ecc erano piuttosto vivide, ma da lì a definirle "horror"... Non ricordo di essermi soffermata nemmeno 5 minuti su quell'aspetto, nemmeno l'ho preso in considerazione.
Cover del seguito
Poi c'è la questione dei personaggi. Non mi ha convinta particolarmente Cas, e lo hanno fatto ancora di meno i suoi due amici. A mio dire Cas era un banale diciassettenne (beh, se non consideriamo la sua occupazione...) con un ancor più banale senso dell'umorismo ; i suoi amici variavano dall' 'inutile' al 'fasidioso'. 
Anna già mi ha convinta di più, e soprattutto ho apprezzato che fosse effettivamente un' "assassina", senza andare a cercare improbabili scappatoie tipiche degli YA. Che poi, ok, hanno tirato acqua al mulino di Anna con la questione della maledizione e del flash-back della sua tragica morte (quello si che era inquietante!), ma va bene così.
E la storia d'amore? Bah... non mi sono ritrovata una sola volta a girare le pagine tra sospiri e strette al cuore, quindi direi che non mi è proprio arrivata. 
La conclusione a sorpresa ha aggiunto un po' di coinvolgimento e pepe in più alla storia, assieme anche tanti elementi random che non saprei bene come collocare.

Insomma, una lettura piacevole e scorrevole, più originale della media degli YA, ma assolutamente non all'altezza delle mie (probabilmente esagerate) aspettative. 
Però non biasimatemi, con una copertina così meravigliosa cosa avrei dovuto pensare? 


Buone letture, 
Serena

6 commenti:

  1. Prima o poi riuscirò a decidermi a leggere questo libro. Non lo so, c'è sempre qualcosa che mi frena anche se, effettivamente, anche io in rete ho trovato solo recensioni strapositivissime!
    Il tuo punto di vista, paradossalmente, mi ha incuriosito più degli altri! Leggerò e ti farò sapere! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti mi sento un po' la pecora nera perché non l'ho trovato particolarmente bello, coinvolgente, inquietante o super-romantico...
      Se mai dovessi scrivere una recensione piazza pure il link qui sotto, sono davvero interessata al tuo parere ^^

      Elimina
  2. Sono curiosa di leggere questo libro perché non so esattamente cosa aspettarmi però mi sembrava un pò Halloweenesco e quindi lo leggerò in questi giorni! Spero mi piaccia :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! Allora buttati e linkami la recensione quando lo hai finito ^^

      Elimina
  3. Io ho adorato alla follia questo libro! Forse perchè non avevo grandi aspettative!
    Comunque non vedo l'ora di leggere il seguito, se si decidono a pubblicarlo!
    Comunque hai ragione è molto originale rispetto agli Young Adult che si trovano in giro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai è un po' che gli YA mi sembrano un po' tutti uguali... ma anche se originale questo non è riuscito comunque a coinvolgermi molto... Sto invecchiando! XD

      Elimina