lunedì 30 dicembre 2013

Top&Flop Five Libri del 2013

Buongiorno a tutti,
oggi, come promesso, mi sono messa di buona lena per ricapitolare i migliori e i peggiori libri che ho letto nel 2013.


Ripercorrendo le mie letture mi sono resa conto 1) di non aver letto moltissimi libri (grazie al momento di crisi mistica estiva che ha messo tutte le mie attività abituali in pausa) e 2) di non aver letto molti libri veramente "entusiasmanti". Alcuni brutti, alcuni mediocri, molti belli ma non bellissimi. Quindi ho deciso di risolvermi anche questa volta a fare una Top 5 (anziché 10) e passa la paura.
(Cliccate sui titoli per la recensione, se presente)

TOP 5 LIBRI

#1: Il cavaliere d'inverno di Paullina Simons


Indescrivibile amore per questo libro, che ho letto un po' per caso seguendo i consigli sul blog di Miss Gabrielle (Leggere è... Sognare) e che mi ha rapita completamente. Potrebbe tranquillamente occupare la prima e anche la seconda posizione dal solo. 
La recensione arriverà ad un certo punto del 2014.

#2: Miss Charity di Marie-Aude Murail


Semplicemente adorabile. Altro che libro per bambini, è un piccolo gioiello. Consigliatissimo.

#3: Obsiadian di Jennifer L. Armentrout


Non sarà stato il più innovativo dell'anno, ma senza dubbio è stato il più coinvolgente. Non riesco nemmeno io a spiegarmelo, ma sono stata letteralmente incapace di posarlo fino a quando non l'ho terminato (a momento me lo portavo anche a tavola e in bagno). 



Intelligente, originale, inaspettato, brillante... Mi ha fatto ridere e pensare. Bello bello bello.

#5: Persuasione di Jane Austen


Poteva mancare la mia lettura Austeniana (finalmente, nel vero senso della parola)? No, certo che no. MI domando per quale motivo abbia spettato fino ad ora a leggere questo classico... 
Bellissimo.


FLOP 5 LIBRI

#1: Mr. Darcy broke my heart di Beth Pattillo


Non l'ho nemmeno finito, e questo dovrebbe già indicarvi qualcosa. 
Scialbo, noioso, spesso irritante... Insomma, anche in questo caso non ho avuto dubbi nell'identificare la numero 1 della mia lista.

#2: Epic fail di Claire Lazebnik


Questo invece è un retelling moderno di "Orgoglio e Pregiudizio" che credo di aver etichettato come "Insipido, ingenuo, insoddisfacente" già nella recensione. Stereotipi, stravolgimenti di fondo, banalità e pasticci vari lo rendono l'ombra di quello che sarebbe potuto essere. Infantile e deludente, anche per il suo genere.

#3: Shopping con Jane Austen di Laurie Viera Rigler


Oh mamma, ma sul serio 3 dei 5 libri della Flop Ten sono Jane Austen Related? Eppure io continuo imperterrita a leggerli. Anche qui noia e parecchia irritazione mi hanno impedito di godermi una storia altrimenti apprezzata da altre prima di me. Un sacco di pagine e non ne è decisamente valsa la pena.

#4: Incantesimo tra le righe di Jodi Picoult e Samantha Van Leer


Qui sì che mi lancio contro le aspettative deluse. Mi ero fatta una certa idea riguardo al romanzo che non solo non è stata mantenuta, ma è anche stata sostituita da una storia infantile e personaggi fastidiosi. Ancora una volta mi trovo in disaccordo con i più, ma io lo boccio.

#5: Biancaneve e il cacciatore di Lily Blake


Insignificante e trascurabile adattamento cartaceo della sceneggiatura originale. Non aggiunge nulla alla storia e non fa che togliervi tempo per altre letture.


Allora, cosa ne pensate? Siete d'accordo o no?
Lasciate pure tutti i commenti del caso e, se anche voi avete pubblicato delle Liste, condividetele con me nei commenti!

A domani con la finale Top&Flop 5 Film 2013
Serena

11 commenti:

  1. Sere! <3
    Shopping con Jane Austen l'ho letto anche io qualche tempo fa e l'ho detestato. Uno spreco di alberi!
    Incantesimo tra le righe non l'ho letto, ma sai che lo odio a prescindere perché l'idea di base è molto simile a quella del romanzo a cui sto lavorando, quindi non puoi immaginare la mia soddisfazione nel vedertelo bocciare XDD
    Della tua Top 5 ho letto solo Obsidian e Persuasione (amo <3), ma voglio assolutamente leggere Il Cavaliere d'Inverno *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, leggi e riferisci =D
      Sono contenta di vedere che anche le mie scelte più impopolari trovano dei sostenitori... E finisci di scrivere quel romanzo perché qui c'è gente che ha voglia di leggere qualcosa di interessante! XD

      Elimina
  2. Incantesimo tra le righe, personalmente, mi è piaciuto molto, mentre Obsidian l'ho subito rimosso :/ Prometto che leggerò Persuasione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare a questo giro abbiamo gusti quasi opposti XP
      E mi raccomando, quando leggi Persuasione fammi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  3. Incantesimo tra le righe ti ha deluso?? voglio leggerlo anche io, ma ero titubante!!
    Obsidian carino, ma niente di che. Se non fosse stato per i personaggi, che sono una forza della natura, avrei già dimenticato il libro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se non ti ha entusiasmata Obsidian magari Incantesimo tra le righe invece ti piacerà... L'ho sempre detto che la mia critica verso quel libro era condivisa solo da un pugno di blogger quindi, se la trama ti intriga, perché no?

      Elimina
  4. Io ho cominciato oggi "Orgoglio e Pregiudizio" e spero mi piaccia :3
    Obsidian mi attira moltissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero anche io che ti piaccia O&P, anche se capisco che non sia esattamente il classico preferito tra i maschietti.... Ma me lo auguro lo stesso. Non vedo l'ora di leggere la tua recensione! (anche se potrebbe spezzarmi il cuoricino.. XD)

      Elimina
  5. Il libro di Paulina Simmons devo proprio leggerlo! E Miss Charity com'è? Ne ho sentito parlare e sono davvero curiosa ma per qualche motivo... non so, non mi decido mai a comprarlo!!
    E Obsidian posso capirti, cattura come a che! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io te li consiglio entrambi, ma se non sei sicura basta ricorrere alla biblioteca!

      Elimina
  6. tra i libri del 2013 non ho trovato il saggio psicologico di auto aiuto patrocinato dal club UNESCO, intitolato "il Manuale pratico del benessere", edito da Ipertesto di Verona e primo finalista per la saggistica del premio Nabokov.
    Non so comunque se tale Manuale risulterà ancora nel gennaio 2014 tra quelli più richiesti tramite i canali del web (non certo nelle librerie territoriali italiane), anche nella sua recente seconda edizione (stesso Editore), se non altro per vedere i risultati dei 13 test psicologici allegati al manuale, fruire dei consigli pratici per stare meglio (anche nel 2014), verificare il livello del proprio benessere con esercizi domestici quoptidiani e cimentarsi nei 42 questionari di autovalutazione per italiani proposti nelle quasi 600 pagine del Manuale scritto dall'italiano nominato "Man of the Year" nel 2011

    RispondiElimina