mercoledì 22 gennaio 2014

Recensione: "Le streghe di East End" di Melissa de la Cruz

TITOLO: Le streghe di East End
AUTORE: Melissa de la Cruz
EDITORE: Leggereditore
PREZZO: € 10.00

TRAMA:
A volte la vita è fatta di pura magia… a volte c’è solo una possibilità per ristabilire i fragili equilibri fra il bene e il male. E ora tutto dipende dalle Beauchamp. È settembre e le tre donne si sono da poco trasferite a North Hampton. Sulla cittadina sembra regnare la calma; tuttavia, quando la comunità viene sconvolta da morti e scomparse misteriose, e gli occhi di tutti sono su di loro, dovranno decidere da che parte stare e riprendere in mano il loro destino. Da secoli hanno rinunciato ai propri poteri: Joanna può resuscitare i morti, Ingrid prevede il futuro, e Freya ha una pozione magica per ogni pena d’amore. Ora il tempo stringe, ed è giunto il momento di recuperarli…Fra misteri, forze oscure da placare, sensualità e vero amore, si muove questa avventura dal ritmo incessante e irresistibile.


RECENSIONE:

E' tanto tempo che questo libro staziona nella mia WishList ma -lo ammetto- la molla che mi ha spinta a prenderlo è stato il telefilm. Di nuovo. Ebbene sì, sono colpevole Vostro Onore.
Già dall'inizio sapevo che mi sarei ritrovata tra le mani qualcosa di molto diverso dalla serie di LifeTime, ma la curiosità ha avuto la meglio.... e vi posso subito dire che : sì, libro e telefilm sono diversi... ma non poi così tanto, verso la fine almeno.
Le streghe di East End del titolo sono Joanna, Ingrid e Freya Beauchamp, madre e figlie, tutte e tre dotate di poteri magici ma vincolate a non utilizzarli a causa di una "condanna" di 4 secoli prima. 
cast della serie tv
Joanna è una donna che ha superato la mezza età, madre affettuosa e paziente, con un animo ancora giovane e padrona di un'intensa forza creatrice. Le due figlie, Ingrid e Freya, sono diametralmente opposte per caratteri e talenti (una prevede il futuro, l'altra crea potenti pozioni d'amore) ma sono complici e molto legate.
Poche settimane prima del matrimonio di Freya con il ricco, tenero e fedele Bran, cominciano a verificarsi strani eventi : segni premonitori, omicidi, malattie misteriose e la comparsa di liquami sconosciuti che avvelenano l'acqua e la terra. Tra tutte le catastrofi, appare anche Killian, affascinante fratello minore di Bran, per il quale Freya nutre un'insopprimibile attrazione fisica, e non solo. Allo stesso tempo, in tutte e tre le Beauchamp si risveglia dopo secoli il desiderio, quasi la necessità, di praticare di nuovo la magia. Prima solo qualche piccolo incantesimo, che sicuramente risulterà innocuo... ma si sa che le cose fanno presto a sfuggire di mano.

Da quel che vi ho scritto fin qui può non sembrare, ma in questa storia c'è di tutto. Chiedete e vi sarà dato. 
Streghe con manici di scopa e bacchette magiche? Ci sono. Animali mitologici e pentacoli? Ci sono. Misteriosi simboli indecifrabili e magioni sinistre? Eccole in arrivo. E poi ancora : resurrezioni, incursioni di vampiri da un'altra serie, mondi perduti, e per finire lui, IL plot-twist che non avete visto arrivare, l'inarrestabile momento "WTF?!?!?".

*da qui, spoiler*
Con un colpo di scena che ti fa dubitare della salute mentale dell'autrice, scopriamo che i due fascinosi e ricchissimi fratelli Gardiner non sono altri che Loki e Balder, dei del Valhalla, figli di Odino, esiliati sulla Terra ed entrambi innamorati di Freya. Peccato che uno dei due voglia distruggere Midgard (la Terra, per chi ancora non ha visto "Thor"...).
Giuro che quando ho letto per la prima volta le parole "Loki" e "Asgard" il WTF mi è uscito spontaneo e ad alta voce. Ho anche riletto la pagina per esser sicura di non aver avuto un ictus agli occhi.
Oddio, a dire il vero, avendo visto la serie avei potuto dedurre la svolta della trama... perché effettivamente nel telefilm la "terra perduta" delle Beauchamp viene chiamata più volte "Asgard", però io mi ero immaginata più una conversazione tra sceneggiatori del tipo:

- Come chiamiamo la dimensione delle streghe?
- La scelta si restringe ad Asgard e Hogwarts...
- Massì, facciamo Asgard, che per Hogwarts dobbiamo pagare le royalties...

Di conseguenza il mio cervello ha deciso di rimanere impermeabile a qualunque indizio e sono quindi rimasta completamente blind-sided dalla comparsa di metà del Valhalla in quel buco di nulla che è North Hampton.
Di lì è stata tutta una rivelazione dietro l'altra : reminiscenze dall'origine dei tempi, Alberi della Vita, ponti di ossa di drago e identità divine distribuite a piene mani tra i personaggi. Il tutto coronato da un ulteriore colpissimo di scena nelle ultime 5 righe. Awesome.
*fine spoiler*

Se fino alla prima metà del libro mi sono goduta la storia e la sua mite atmosfera in pacata rilassatezza, è stata l'ultima parte a darmi uno scrollone (assieme a crampi allo stomaco per le inevitabili risate).

Per me ci sono due modi prendere questo romanzo e se, come me, deciderete di accogliere a braccia aperte il salto dello squalo rip-off da tutta la mitologia nota e ignota all'uomo, non potrete che desiderare ardentemente il seguito.
Mi aspetto come minimo un'incursione di Snoopy, Forrest Gump, Jack Skeletron e Vegeta. Come minimo.


Serena

10 commenti:

  1. mmm... non mi ha mai ispirato tanto: figurati che ho mollato anche il telefilm, ho mollato Jenna Dewan. E lei mi ha tradito con Channing Tatum! Brutta storia u.u
    :°°D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò... il telefilm in realtà mi è piaciuto più di quanto immaginassi all'inizio. E' ottimo per liberarsi la mente...soprattutto se guardato con un po' di sano senso dell'umorismo (perché certe cose.... beh, sì, ci siamo capiti). Mi spiace che nemmeno la bellezza accecante di Jenna Dewan sia riuscita a incollarti allo schermo XD
      Per quanto riguarda il libro... anche lì: tanto senso dell'umorismo. Se hai quello, negli ultimi capitoli ti fai delle risate da fitte ai fianchi.

      Elimina
  2. E niente zia Wendy nel libro?! Com'è possibile?! D:
    Io amo la zia Wendy e l'attrice che la interpreta, è un lunga storia d'amore che è iniziata con Twin Peaks, quella tra me e Mädchen Amick, secondo me è un'attrice bravissima e rende da matti con un personaggio come Wendy, la trovo assolutamente favolosa *-*
    Pensare che iniziai a guardare le streghe dell'East End solo per lei, poi va bè il telefilm in sè mi ha incollata allo schermo, mi è spiaciuto solo il fatto che la prima stagione fosse di soli 10 episodi .__.
    Comunque appena ho saputo che era un telefilm tratto da un romanzo ho iniziato a cercare come una matta questo libro e non l'ho trovato da nessuna parte! Dopo la tua recensione sono ancora più curiosa di leggerlo...mi sa che ricorrerò al fedele ordine di Amazon...sempre che lì riesca a trovarlo °°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche a me sta simpatica Wendy :D Sicuramente più di Ingrid che nel telefilm è una lagna pazzesca... ha fatto più danni lei della cattiva di turno! XD
      Non sapevo che il libro fosse così difficile da trovare... Io l'ho preso in biblioteca e non ho avuto problemi.
      Dai, coraggio che in autunno dovrebbe cominciare la serie nuova!

      Elimina
  3. Non riesco a capire se questo libro mi ispiri o meno :|
    da una parte vorrei leggerlo, dall'altra... ho troppi libri arretrati per avventurarmi in qualcosa di cui non sono certa xD
    Che dici? Consigliato o meno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mh... direi che puoi tranquillamente aspettare a leggerlo. Considera che l'ho recensito in preda ad una botta di ilarità (perché la seconda metà mi ha fatto tanto tanto ridere...), ma in se' e per se' non l'ho trovato un libro "imperdibile". Magari se un giorno lo trovi in biblioteca...

      Elimina
  4. in genere non leggo questi libri ma devo dire che, non so perchè, ma leggendo la tua recensione (e saltando accuratamente lo spoiler!) mi è venuta voglia di qualche lettura "magica"!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io di solito leggo pochi di questi libri, ma ogni tanto mi piace cambiare. Diciamo che questo non è nemmeno il più eccelso rappresentante del genere, ma se non altro l'ho trovato divertente (anche se bisogna ammettere che spesso applico il mio senso dell'umorismo a situazioni inusuali e fuori luogo...)

      Elimina
  5. Ero riuscita ad evitarlo,e ora mi hai fatto venire una voglia matta di leggerlo e farmi quattro risate XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, in tal caso spero che anche tu venga dilettata dalle trovate dell'autrice tanto quanto lo sono stata io XD anche perché altrimenti il libro è assolutamente nella media...

      Elimina