sabato 16 agosto 2014

(mini-)Recensione film: "Lo Hobbit - La desolazione di Smaug"

Ma.... e mettere un accenno di Smaug nella locandina, visto che da il titolo al film??


Questo film è stato esattamente come il precedente: "meno peggio" di quel che avrei temuto, ma pieno di tante cose inutili o semplicemente sciocche.
Per esempio: tutto ciò che riguardava o capitava ai nani si sarebbe potuto applicare ai Looney Tunes.


Per carità, due risate non si disdegnano mai... ma capite che mettermi sotto mano un film del genere è come farmi sparare ad un'anatra paralitica. Io e la mia amica co-spettatrice sembravamo i due vecchietti dei Muppets... eccetto che le nostre battute sui "gioielli del re" erano decisamente meno PG-13.


In realtà non l'ho giudicato troppo negativamente perché so che Lo Hobbit (il romanzo) è molto più "favolistico" de Il Signore degli Anelli, però certe cose non sapevo proprio come classificarle.
Tipo la storia d'amore tra il nano (...?) e l'elfa.
O la faccia perennemente costipata di Legolas.
O la tendenza di tutti gli architetti della Terra di Mezzo di di ideare ponti sospesi nel vuoto senza corrimano (attento Gandalf che hai una certa età...)
O metà delle cose che sono successe, che ancora adesso mi fanno domandare: "a che pro?".

Però ho apprezzato l'assenza di Gollum, le faccette comiche di Martin Freeman e soprattutto Smaug e la sua voce sexy.
O forse sarà perché mi sono appena maratonata la terza stagione di Sherlock?

Ad ogni modo, tre stelline e passa la paura.


Volevo quasi metterne tre e mezza solo per il doppiaggio di Benedict Cumberbatch... Poi però mi sono ricordata del triangolo amoroso nano-elfa-elfo e ho cambiato idea.

4 commenti:

  1. L'elfa pare sia stata penalizzata da un doppiaggio quantomeno discutibile :/ per il resto... mi è piaciuto meno del primo. E tutto è meno comico rispetto al libro (dove i nani sono vestiti da nani da giardino).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'elfa aveva proprio poco senso di esistere francamente... era una di quelle parti di storia di cui non mi interessava un accidente. E poi chiamare il film "La desolazione di Smaug" e far comparire il drago gli ultimi 15 minuti.... mah.

      Elimina
  2. È che hanno cambiato e aggiunto troppe cose inutili! Il libro mi era piaciuto un sacco ma quando sono andata a vederlo ho detto "e che è questo?". Però ha anche i suoi lati positivi e molte volte mi ha fatto ride.
    Lo sai che avevano anche chiesto a Viggo, l'attore di Aragorn, di recitare e lui ha rifiutato perché il suo personaggio non ci sta nel libro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hanno detto tutti la stessa cosa riguardo alle aggiunte. C'è chi se ne è fatto una ragione e chi invece non riesce a digerirle... Io non ho letto il libro, ma posso dire che si avvertiva lo stesso il senso di "fuffa inutile aggiunta a casaccio".
      Per quanto riguarda Aragorn, avevo letto un'intervista dell'attore che praticamente criticava moltissimo Peter Jackson per essersi "venduto" alle major... non mi stupisce che si sia rifiutato di partecipare.

      Elimina