martedì 21 ottobre 2014

Commento: Doctor Who 8x08 - Mummy on the Orient Express

Buongiorno a tutti!
In questo strano martedì vi porto -finalmente- il commento all'ottavo episodio di Doctor Who: Mummy on the Orient Express.




Come introdurre questo episodio se non citando a piene mani il mitico Moff?


O almeno credo sia questo il riferimento citato

Mummy on the Orient Express è uno di quei titoli piuttosto didascalici : c'è una mummia a bordo di una riproduzione dell'Orient Express. Nello Spazio.


Tutto questo è molto bello e suggestivo, ma il primo argomento trattato nell'episodio (se si esclude la morte dell'anziana signora per mano bendata della mummia) è la frattura creatasi tra Clara e il Dottore.
Personalmente credo che avrei preferito un episodio senza Clara, e questa volta non per le mie ormai conclamate idiosincrasie, quanto per sottolineare il senso di gravità che dovrebbe essere legato alla loro lite. Credo che una 'pausa' prima dell' "ultimo viaggio" di Clara sarebbe stata ottima per sottolineare la solitudine del Dottore, l'importanza e 'l'irreparabilità' della rottura, e per conferire un peso maggiore a questo ultimo viaggio.
In qualche modo, però, gli autori riescono comunque a farci capire che la questione dello scorso episodio è tutt'altro che dimenticata, tramite un semplice (e un po' melodrammatico) dialogo tra Clara e il Dottore.


*prima di leggere questo paragrafo vorrei che teneste presente il fatto che ci sarà un grosso MA verso la fine dell'articolo*

Per una volta qui sono riuscita a capire quello che Clara voleva dire. Facendo finta di dimenticarci il perché Clara abbia decido di lasciare il TARDIS, con queste poche frasi Clara vuole chiarire -al Dottore, al pubblico, e forse anche a se stessa- che non odia il Dottore, non lo può odiare, ma che è arrivata ad un punto in cui semplicemente non riesce più a convivere con il suo modo di vivere e le scelte che compie. E diciamo pure che lo trovo un discorso molto condivisibile, in un certo senso. Fin'ora abbiamo avuto companion che si sono buttate nell'ignoto fidandosi ciecamente del Dottore, o che, quand'anche decidevano di 'allontanarsi', lo facevano più per un desiderio di normalità piuttosto che per dilemmi morali. Questa volta invece sembra che Clara abbia tracciato la proprio linea, come suggeritole da Danny, e abbia deciso di aver oltrepassato il proprio limite.


Questa scena invece è stata semplicemente emotivamente dolorosa da guardare. Posso lamentarmi quanto voglio di Clara, ma vederla sbattere per la prima volta il muso contro la consapevolezza che quello è un 'addio' e non un 'arrivederci'... beh, non è piacevole nemmeno un po'.
Non sono riuscita a trovare la gif giusta, ma l'espressione del Dottore diceva tutto, a prescindere da quello che veniva pronunciato ad alta voce.

Ma per il momento basta con queste riflessioni pesantone, e concentriamoci sulla f*****g mummy on the Orient Express. E dici poco.


A quanto pare a bordo c'è una mummia assassina, invisibile e indistruttibile, che compare solo alla sua prossima vittima, lasciandole 66 secondi prima di ucciderla prosciugando tutta la sua energia vitale. La questione -e che ve lo dico a fare- intriga notevolmente il Dottore che, per non coinvolgere Clara in un'avventura pericolosa che non aveva richiesto (ma che sotto sotto anche lei desiderava) ingaggia come aiutante dell'episodio l'ingegnere di bordo, Perkins.


Prendiamoci un attimo per parlare di Frank Skinner. Conoscevo quest'uomo solo per il suo lavoro come comico inglese, ma ho trovato che in questa parte fosse eccellente. Non era macchiettato, riusciva a scornarsi in maniera sottile e divertente con il Dottore, non provava a far ridere a tutti i costi (anzi, aveva un ruolo piuttosto drammatico) eppure ci riusciva lo stesso. Ed era pure un tantino inquitatnte... L'ho adorato.

Ma torniamo alla parte dell'episodio in cui Clara finge di essere indignata per la situazione pericolosa in cui il Dottore l'ha cacciata per l'ennesima volta. Insomma, lo sappiamo tutti che in fondo in fondo era delusa dalla 'banalità' del loro ultimo viaggio (praticamente lo ammette apertamente al telefono con Danny), eppure ricordiamoci che qui Clara sta provando a mantenere una posizione. 


In un certo senso si ripropone -in scala molto ridotta- uno dei problemi che ha scatenato la lite in Kill the Moon. Il Dottore non sapeva ma 'sapeva', e ciononostante ha fatto di testa sua infischiandosene dei desideri di Clara. O almeno questo deve essere il punto di vista di Clara.

Nonostante tutto Clara decide di aiutare il Dottore nelle indagini e i due vengono separati, mentre la mummia continua a prendere di mira uno ad uno tutti i passeggeri del treno... considerando solo quelli che non sono ologrammi. Si scopre infatti che -a quanto pare- tutta la ricostruzione del treno non era che una trappola ben elaborata per rinchiudere i maggiori esperti di vari settori della scienza in un luogo senza via di fuga, per costringerli a studiare 'il mistero della mummia'.
E ovviamente il Dottore non poteva non tuffarsi di sua spontanea volontà in una situazione del genere.
Da notare che il 'chi' e il 'perché' dietro la trappola, per il momento non ci vengono rivelati nei dettagli (la questione tornerà in futuro?)

Ancora una volta il Dottore non si comporta in maniera esattamente esemplare e riprende in maniera molto marcata quel suo atteggiamento un po' inquietante di 'noncuranza degli effetti collaterali' :  pare disinteressato alla morte imminente dei passeggeri se non per il loro valore come 'cavie' per scoprire informazioni sulla mummia, dice chiaramente e in maniera molto poco elegante a Clara di mentire alla plausibile 'prossima vittima' pur di poterla usare per continuare le indagini, e anche quando alla fine si adopera per prendere il suo posto come vittima designata, sembra più che altro che lo faccia per curiosità personale (della serie, 'se vuoi un lavoro ben fatto, fattelo da solo') e per calmare le ire di Clara.


Ovviamente anche il suo piccolo espediente per accorciarsi la vita ha un lieto fine: il Dottore capisce in soli 66 secondi di faccia a faccia con la creature che si tratta di un antico soldato tecnologicamente modificato che non riuscirà a fermarsi prima ad aver portato a compimento la propria guerra... e che quindi basta arrendersi per consegnargli la vittoria e la pace.


Insomma, questo era uno di quei cattivi-non-cattivi, con una soluzione all'enigma piuttosto semplice (almeno dopo che la si è sentita pronunciare dal Dottore) che di tanto in tanto ci capitano sotto mano in alcuni episodi. La cosa in sé non mi dispiace, sia perché c'erano altri argomenti di cui trattare (e quando mai non ci sono in Docotr Who?) sia perché in fin dei conti la storia e interessante  e io non sono una persona poi così difficile da soddisfare.

Alla fine della fiera il Dottore riesce a salvare tutti (i superstiti), ma ugualmente parla in toni molto aspri (rivolgendosi più che altro a se stesso) a Clara:


C: So, you saved everyone?
D: No, I just saved you and I let everyone else suffocate. Ha-ha-ha. Yeah, this is just my cover story.
C: So, when you lied to Maisie, when you made me lie to Maisie...
D: I couldn't risk Gus finding out my plan and stopping me.
C: So you were pretending... to be heartless.
D: ...
D: Would you like to think that about me? Would that make it easier? I didn't know if I could save her. I couldn't save Quell, I couldn't save Moorhouse. There was a good chance that she'd die too. At which point, I would have just... moved onto the next... and the next... until I beat it.
Sometimes, the only choices you have are bad ones. But you still have to choose.

E nonostante tutto Clara decide di restare.
Proprio alla fine dell'episodio, con un notevole e improvviso one-eighty, Clara decide di abbandonare i propri propositi di 'disintossicazione' dall'adrenalina della vita con il Dottore e di far finta che nulla sia successo.


*ed ecco che arriva il MA*

Eppre c'è qualcosa di sbagliato in questa sua scelta. Di nuovo, non mi riferisco minimamente alle mie preferenze relative ai companion, ma proprio alle modalità con cui avviene questa scelta. 
Tre fattori, a mio dire, contribuiscono a creare questo senso di disagio. Per prima cosa, capiamo che Clara ormai è assuefatta a quella vita. Il che in realtà sarebbe un tipo di reazione piuttosto naturale alla vicinanza con il Dottore, ma il problema è che la porta a rimangiarsi tutto quello che aveva cercato così appassionatamente di rivendicare fino a questo punto e , tra le altre cose, a mentire spudoratamente sia al Dottore che a Danny (fattore numero due). Questo è un sintomo davvero molto chiaro della sua 'dipendenza': azioni sbagliate e soprattutto consapevoli, per ottenere una soddisfazione momentanea. Il problema è che (e qui ne sono quasi certa) la cosa le scoppierà in faccia molto presto. L'ultimo fattore, sempre della serie "conseguenze davvero pessime in arrivo sul binario uno", è che non viene risolto nessuno dei suoi problemi con il Dottore. I motivi della loro lite ci sono ancora e sono tutti lì; con questa scelta Clara li ha semplicemente spazzati sotto il tappeto fingendo di averli risolti. Il che andrà pure benissimo per il Dottore (che è un mastro nel seppellire i problemi in fosse poco profonde), ma sicuramente sarà una delle tante cose che torneranno di prepotenza nel finale (?).


Insomma, dopo la chiusura di questo episodio sono sempre più convinta che -quando arriverà il momento del commiato- Clara se ne andrà not with a fizzle, but with a bang!... Il problema è che in questo caso le premesse sono davvero troppo costruite e grandiose per portare ad un finale meno che tragico per Clara (non parlo di morte, ma di tragedia in senso più generale).
Sappiamo tutti fin troppo bene che i companion generalmente do not go gentle into that good night, e anche questa volta io vedo tutte le premesse per un disastro annunciato.

Ma, Moff, sei liberissimo di stupirmi. Te ne prego.



Serena



P.S.: qui trovate i miei commenti agli episodi precedenti:

4 commenti:

  1. A me sembra che stiano preparando la partenza di Clara, e che - come hai sottolineato - non sarà un buon addio. Sospetto che quello dello scorso episodio sia fumo negli occhi e che il momento in cui il Dottore la spingerà oltre il limite debba ancora arrivare... e considerando cosa lei è in grado di sopportare sarà tremendo. Non voglio credere che il cambio d'idea di Clara sia stato un modo per riportare lo status quo alla velocità della luce (vedi il divorzio di Amy e Rory risolto in dieci modo) perchè il disagio e la sensazione che ormai la cosa non è più salutare per la stessa Clara erano troppo evidenti per essere casuali.
    Comunque io non credo che lei sia arrabbiata perchè i suoi desideri non vengono rispettati, ma perchè il Dottore continua a mentirle e a manipolarla anche quando non ce n'è bisogno: se le avesse detto 'Hei, andiamo a vedere la storia della Mummia sul treno' lei avrebbe detto sì, e non c'entra il fatto che avrebbe dovuto essere la loro ultima avventura e una cosa tranquilla perchè ce l'ha portata comunque ben sapendo a cosa andava incontro.
    Detto questo, Twelve era semplicemente adorabile quando Clara si sveglia e lui sembra un bambino che vuole l'approvazione della mamma *^* e anche il modo in cui diventa subito serio se lei è in pericolo... mah, per quanto questa companion non mi piaccia spero non sia troppo traumatico per lui (anche se ferirla davvero potrebbe motivarlo ad essere più... caritatevole).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti con "rispettare i suoi desideri" mi riferivo più che altro trattarla con rispetto, metterla a parte delle decisioni, ecc ecc... che poi era quello che aveva detto chiaro e tondo in Kill the Moon.
      Per il resto, sono assolutamente d'accordo con te. Per quanto questa seria sia già stata piuttosto 'emotivamente pesante' fino a qui, ho idea che per il momento sia stiano solo preparando alla crisi "vera e propria" del finale. Ma d'altronde qualcosa doveva pur succedere per preparare il terreno, perché una lite qualsiasi tirata su in quattro e quattr'otto alla fine non sarebbe credibile, soprattutto sapendo qual è il legame tra Clara e il Dottore. Per il momento hanno solo continuato a suggerire che 'c'è qualcosa che non va' sotto la superficie...Il carico da Novanta deve ancora arrivare.
      Tremo al solo pensiero.
      (Anche se in realtà ancora non ho sentito nulla su un eventuale 'abbandono' di Jenna Coleman...)

      Elimina
  2. Io proprio guarda boh. Sto indietrissimo (ho visto solo oggi questa puntata) e non sento la spinta ad andare avanti. Non mi piace per niente questa serie e per Peter Capaldi, e per il personaggio che è diventato il dottore (suvvia, è praticamente uno stronzo) e per le cose nosense che fa Clara.
    Non so, forse sono ancora troppo legata a Matt Smith, o forse risento della pessima scrittura degli espisodi ma, davvero, faccio una fatica immane a terminare gli epidosi. Non so come sopravviverò agli speciali che durano di più, probabilmente dovrò "spezzettarne" la visione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acc... mi spiace che non ti stia piacendo la serie, e devo dire che ho riscontrato un'opinione simile in altre mie conoscenze... ma io non sono della stessa idea. Vero che alcune puntate non sono all'altezza delle serie precedenti, vero che Clara mi fa venire il nervoso quasi ogni volta che compare in scena, ma Capaldi mi piace tantissimo e sono davvero felice che resti anche alla prossima serie. Soprattutto se si libereranno di quella zavorra che è diventata Clara.

      Elimina