lunedì 16 marzo 2015

Recensione: "Alice in Zombieland" di Gena Showalter

Nota:
Per prima cosa ci terrei a riservare un ringraziamento e un saluto a Michele di Mr. Ink: Diario di una dipendenza che -in occasione del givaway di Natale del 2013- mi ha omaggiata con questa (a quanto pare rarissima) copia cartacea di Alice in Zombieland
Mic, sei stato un tesoro e ho apprezzato immensamente questo libro. Grazie <3
***



TITOLO: Alice in Zombieland
             White Rabbit Chronicle #1
AUTORE: Gena Showalter
EDITORE: Harlequin Teen
PREZZO: -

TRAMA:
Non avrò pace finché non avrò rispedito nella tomba tutti i morti che camminano. Per sempre.
Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ri- dere. E invece è proprio quello che è accaduto. Un attimo, un secondo, il tempo di un respiro, e tutto ciò che amavo è sparito. Mi chiamo Alice Bell, e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che adoravo, la mia sorellina e il padre che non ho mai capito finché non è stato troppo tardi. Quella notte ho scoperto che lui aveva ragione: i mostri esistono veramente. Gli zombie mi hanno portato via tutto. E adesso non mi resta che la vendetta...
Per realizzare i suoi propositi, Alice dovrà imparare a combattere contro i non-morti e fidarsi del peg- giore dei cattivi ragazzi della scuola, Cole Holland. Ma lui nasconde dei segreti. E quei segreti potreb- bero rivelarsi persino più pericolosi degli zombie.


RECENSIONE:

Non so come e non so perché, ma questo libro è riuscito a piazzarsi in una nicchia inesplorata del mio cuore di lettrice: quello dedicata ai "romanzi YA, con love story e ricchi d'azione&WTF". Francamente non sapevo nemmeno esistesse questa nicchia.

Iniziamo subito col dire una cosa molto chiaramente: i riferimenti ad "Alice nel Paese delle Meraviglie" sono 2: il nome della protagonista e la nuvole coniglio. Punto.
Ad un certo punto mi è venuto in mente che avrei potuto forse considerare il fatto che la migliore amica si facesse chiamare Kat (il tutto infarcito di altre battute sui gatti...), ma francamente mi rifiuto.
E ora passiamo alle cose serie.

 SPOILER

Fin da pagina 1 viene messo abbastanza in chiaro che la vita di Alice è già stata straziata dalle disgrazie: è passata dall'avere una famiglia un po' strana -con un padre nevrotico ossessionato da mostri invisibili- all'essere orfana a causa proprio di quei mostri invisibili.
Dopo la tragedia, Alice si trasferisce dai nonni è cerca di riadattarsi ad una vita "normale"... ma questo non le impedisce di portarsi dietro le più deliziose e classiche caratteristiche di protagonista YA. In questo caso abbiamo persino un'insuperabile combo: "assoluta mancanza di autoconsapevolezza e autostima" + "terribile visione periferica". 
Eh sì, perché la nostra Alice viene grosso modo descritta come una Taylor Swift, ma pensa che i suoi capelli biondissimi e le gambe lunghissime la rendano anonima... E, come se non bastasse, continua a girare angolo o camminare sovrappensiero per poi andare a inciampare su un tronco di figo alto 1.80 che la desidera.


Aggiungerei anche che il figone di turno (meglio noto come Cole) è il capo di una banda di "ragazzacci" pericolosi, e soprattutto che quando Alice lo guarda negli occhi ha delle visioni trascendentali di loro che limonano durissimo nel futuro.


Poi entrano in gioco gli """zombie""" e qui ho bisogno che mi seguiate.
A quanto pare, sia Alice che il gruppo di 'ragazzacci pericolosi' sono in grado di vedere questi mostri  fatti di "spirito/male/??" che attaccano le persone infettandone l'anima (???); e per combatterli alcuni individui speciali (di nuovo, Alice & i ragazzacci pericolosi) sono in grado di separare la propria anima dal corpo (????) e prendere gli zombie a calci in culo spirituali. O bruciarli con il fuoco sacro che sono in grado di evocare. o avvelenarli con la purezza della loro anima.

? ? ? ? ?


No aspettate, capiamoci bene: io tutto questo lo adoro.
Ok, avrebbero potuto chiamare i mostri 'unicorni carnivori' e per me sarebbe stato esattamente lo stesso, ma questa valanga di geniali assurdità è davvero top della meraviglia.
C'è anche da considerare che Alice è davvero una protagonista cazzuta e bad-ass. Si piange addosso il minimo indispensabile (soprattutto considerando quello che le è successo), e per il resto spacca davvero i culi. 
E, udite udite l'azione viene addirittura descritta! Sono commossa. 'Il Trono di Ghiaccio', mi fai ridere.
Certo, Alice mi cade un pochino sulla storia d'amore... Tensione, attrazione e atmosfera sono dosati al punto giusto e sono ben bilanciati dall'azione, però bisogna ammettere che questi tira&molla e l'incapacità di comunicazione sono un po' tirati per i capelli. Tipo che molte volte sarebbe bastata una frase per spiegarsi ed evitarsi spiacevoli conseguenze, talvolta i fraintendimenti sono un po' forzati e in generale le pippe mentali ingiustificate non mancano (della serie: "sento rumore di zoccoli e penso ai centauri").

Parlatevi dannazione!!!!

Ma per il resto del tempo i protagonisti prendono a calci nelle gengive degli zombie spirituali, quindi sono pronta a perdonargli questo ed altro.

Fanciulli, che altro dire:





Serena

7 commenti:

  1. Ciao Serena! Anche a me era piaciuto molto. Spero di leggere presto il seguito perché sono curiosa di sapere come continua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che il secondo è uscito solo in versione digitale per la Harlequin Mondadori...e, mi spiace, ma 7€ di ebook non li spendo. Piuttosto me lo compro in lingua originale su bookdepository (per più o meno la stessa cifra)

      Elimina
  2. Olè! Sere, niente, ci stiamo rincretinendo! Dopo Shadowhunters ti sei fatta piacere ANCHE Alice in Zombieland??
    Ragazzaccia!!! :D
    Eheheeh, a me credo sia partito l'ormone vagante a causa Cole.. Però caspita, Alice finalmente è un personaggio che è un piacere seguire! Le ammazzano la famiglia, scopre gli zombie e che fa? Si alza e combatte. ECCO!!! E basta piagnistei e nasi mocciolosi! XD

    Vedrai quanto NON sanno comunicare nel seguito :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Illustre Serena!! Tu quoque! Mia compagna di guilty pleasure!!
      Guarda, a me non è partito poi tanto l'ormone... Erano i WTF multipli a mandarmi in solluchero XD
      E adesso non vedo l'ora di sperimentare sulla mia pelle la ridicola incapacità di comunicazione di quei due tronati, me ne hanno parlato tutti divinamente!!! =D

      Elimina
  3. A quanto pare continuo ad essere l'unica nella blogsfera ad aver odiato questo libro con ogni fibra del mio essere XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difendi con orgoglio il tuo primato! Io sto passando lo stesso con la serie della Maas e non potrei divertirmi di più a parlare male di quel libro XD

      Elimina
    2. Ho già dato quando uscì, per continuare dovrei leggere gli altri e... grazie, ma no grazie XD
      In compenso sto apprezzando molto la Maas anche se l'edizione italiana non si merita niente u_u

      Elimina