martedì 29 marzo 2016

Commento ergo sum: Once Upon a Time - season 3B: The Wicked Witch of the West


Dopo aver superato lo scoglio si Peter Pan (quella storyline mi preoccupava parecchio...), facciamo ritorno alla Foresta Incantata e a New York, rispettivamente. Eh sì, perché a quanto pare nel Commento della scorsa volta mi sono dimenticata di menzionare la parte più importante di tutte: la fine.
Nell'episodio 3x11 viene battuto il record mondiale 2013 di 'Cose a caso successe tutte insieme', proprio per prepararci alla seconda metà di stagione.
Assistiamo al sacrificio di Mr. Gold che muore per eliminare Pan (non sono ancora interamente sicura del perché... potrebbe centrare una profezia, così come una qualsiasi altra spiegazione, non è chiaro), ma questo non ferma la Maledizione che Pan aveva lanciato prima essere ri-scambiato con Henry (di nuovo, le sue motivazioni a riguardo sono alquanto lacunose). Di fatto, a fine episodio troviamo tutti i personaggi confinati nuovamente nella Foresta Incantata, mentre Emma ed Henry si trovano a New York, completamente immemori e convinti di essere sempre vissuti assieme lontano da Storybrook. Per fortuna, prima ancora della fine dell'episodio, è già passato un anno e vediamo l'arrivo d Hook a New York per cercare di riportare Emma a Storybrook a spezzare una nuova maledizione (e questa era solo la seconda metà del 3x11. Non scherzo).

Questo è ufficialmente il punto in cui mi sono fermata, ho preso carta e penna, e ho cominciato a segnarmi le cose, perché fra maledizioni (siamo alla terza), flashbacks e salti temporali di un anno, non avevo speranze di ricordarmi tutto fino all'episodio 23.


Dal momento che questo è un commento e non riassunto, mi limiterò a menzionare i punti salienti e lasciare il resto alla vostra memoria/immaginazione. Buona fortuna nel seguirmi.

Dopo tutta una serie di esilaranti siparietti di Hook a New York (rigorosamente in attire da pirata) Emma ed Henry vengono riportati a Storybrook, dove la nuova maledizione ha riportato tutti nel Maine, ma ha anche cancellato la memoria dell'ultimo anno trascorso nella Foresta Incantata.
Chi ha lanciato l'incantesimo? Perché? Cosa è successo durante l'anno che nessuno ricorda? Tutte domande che trovano gradualmente risposta nella storyline-flashback, mentre nel presente fa il suo ingresso il villain di diritto della stagione, la Malvagia Strega dell'Ovest, che però in inglese suona molto meglio: the Wicked Witch of the West.

E' il caso di spendere due parole su Zelena: è semplicemente fantastica. La splendida Rebecca Mader è già naturalmente dotata di quei crazy-eyes che la sparano nel cuore della zona rossa della Hot/Crazy Scale, ma -per giunta- in questo ruolo si è gettata in un particolare brand di over-acting, tutto denti e occhi spalancati. Ed è semplicemente una gioia da vedere.

L'obiettivo di tutta la complicata macchinazione di Zelena è di usare quattro simboli magici (Cuore, Cervello, Coraggio, and all that jazz) per tornare indietro nel tempo e rubare a Regina la vita agiata alla quale Zelena era convinta di aver diritto, in quanto primogenita abbandonata di Cora. E, già che ci siamo, nell'incantesimo di viaggio nel tempo ci buttiamo come ingrediente pure il neonato secondogenito di Biancaneve e David, perché sì.


Il passato di Zelena viene abbondantemente spiegato nei flashbak ambientati ad Oz e che vanno a toccare tutti i punti della favola classica: Il Mago Cialtrone, le scimmie volanti, Glinda, Dorothy e compagnia briscola. Inutile dire che questi flashback sono infinitamente più interessanti di quello che succede "un anno prima" nella Foresta Incantata dove, eccezion fatta per qualche gara di insulti tra Regina e Zelena, le uniche cose che ci servirà sapere sono che a lanciare la maledizione (senza però prevederne gli effetti "smemorini") sono stati proprio Biancaneve, David e Regina per poter tornare nel Maine e che l'unico modo per sconfiggere la Strega dell'Ovest è la Magia Bianca.
Ora, alzi a mano di non aveva capito da subito che la Magia Bianca era la risposta (è sempre la risposta...) senza bisogno di andare a scomodare portali segreti, Robin Hood, Rumpelstiltskin e Glinda. Nessuno? Proprio nessuno??
E tanto per aggiungere un plot-twist che nessuno aveva visto arrivare, la salvatrice che utilizza la Magia Bianca per fermare Zelena, non è Emma, ma Regina. Perché i concetti di "FORESHADOWING" e "sottigliezza" sono sopravvalutati.


In tutto questo, Zelena ha anche resuscitato il Signore Oscuro, giusto perché in quella famiglia si rifiutano di morire permanentemente. Vediamo quindi il ritorno sia di Mr.Gold che di Neal, che ricompaiono come l'herpes condividendo un unico corpo. Raptor&Voldemort style. Ed è la cosa più dannatamente inquietante che io abbia visto da molto tempo a questa parte.

Non fatemi vedere mai più il simbionte Rumpelstiltskin/Neal.
EVER.

Inutile dire che Neal è ancora più irritante e fastidioso di prima. Che fossero in flashback, scene terrificanti storyline presente o tragiche scene di morte, ogni frase uscita dalla sua bocca aveva sempre quel tono vagamente lagnoso e strascicato tipico dei bambini che fanno i capricci. E non mi importa un accidente che dopo solo un paio di episodi muoia male da eroe, o che gli sceneggiatori forzino 5 minuti buoni di screen-time con musica strappalacrime a tutto volume e immagini del funerale per farmi sentire triste: non sentirò la mancanza di Neal. Mai canto di vittoria fu più appropriato.
E fu così che ebbe finalmente termine il triangolo amoroso più pigro e inutile degli ultimi anni: ha ufficialmente inizio la stagione della ship senza quartiere, impossibile da sfuggire a meno che non si decida di vivere in una caverna da eremita senza connessione Internet. 

Perché a volte quelli di ijusthateeverything.com
semplicemente vincono tutto
Ma la vera ciliegina sulla torta è stato il doppio episodio finale con viaggio nel tempo: adoro i viaggi temporali, i What if e i primi episodi di OUAT sono ancora tra i miei preferiti. Praticamente mi avevano in pugno.



La verità è che, anche questa volta, mi sono ritrovata a godermi in maniera quasi imbarazzante questa metà di stagione. Per ogni flashback un po' noioso o prevedibile (David e Rapunzel, il passato di Cora, Neal e l'enorme WTF di Lumière...) ce n'era uno che mi prendeva per il naso e mi trascinava dove voleva, perché a volte semplicemente mi diverto troppo per accendere il cervello (la ricomparsa di Ariel, tutto quello che aveva a che fare con Oz e Zelena...).
L'unica cosa che mi ha leggermente irritata è l'assoluta reticenza di Emma ad evolvere come personaggio, e vi assicuro che facendo le marathon la cosa si nota eccome. Pensavo che ci fossimo già scontrati a sufficienza con la mancanza di fede di Emma nelle stagioni 1&2, era davvero necessario ripetere tutti da capo nella terza? Ancora una volta Emma deve essere blandita, rassicurata e incoraggiata per fare qualsiasi cosa, che sia tornare a Storybrook nell'episodio 12, esercitare la propria magia per difendere la città, non abbandonare tutti per tornare a New York o prendere in mano la situazione per salvare l'intero passato della sua famiglia nel Season Finale. E adesso che Hook la segue ovunque, i discorsi di incoraggiamento non hanno MAI FINE (sul serio, il pirata è peggio di Biancaneve sul fronte pep-talk...!)


Detto questo, ancora una volta Regina, Mr.Gold e Hook si sono dimostrati essere i personaggi più interessanti e divertenti, sia in versione cattiva che in versione redenta; senza considerare la magistrale entrata in scena di Zelena che a questo giro ha vinto TUTTO (che poi alla fine è morta, ma non è morta, come solo i villain coi controfiocchi e quel maledetto di Neal sanno fare). Certo, anche un filo meno di Sguardi Languidi da parte di Hook avrebbero reso ugualmente l'idea (di nuovo, la sottigliezza non è di casa a Storybrook), ma mi considero estremamente soddisfatta da questa storyline.

E infine chiudiamo sull'immancabile colpo di coda: dal passato Emma ha riportato Marion, la moglie di Robin Hood (meglio noto come "il vero amore di Regina"), perché non sia mai che Regina abbia 12 minuti consecutivi di felicità. Ma dato che questo ci serve come trampolino per la prossima stagione (la metà interessante, almeno), a me va bene.
Ma prima, prepariamoci per  una mezza stagione all'insegna del "battere il ferro finché è caldo" con Frozen.

A presto!
Serena

2 commenti:

  1. Ecco, questa è una parte della serie che ho praticamente rimosso XD ricordo solo che mi chiedevo perchè gi abitanti di Storybrooke non hanno iniziato a tenere dei diari visto che perdono la memoria per qualche maledizione ogni due giorni XD
    Risolverebbe tanti problemi u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah no, quando ho capito che aria tirava con la Strega dell'Ovest, mi sono fatta i popcorn e goduta ogni monologo over-the-top di Zelena e ingresso in scena sghignazzando a cavallo di scopa X°°°D
      Assolutamente d'accordo per il diario... e da quello che ho capito, non sarà nemmeno l'ultima volta che usano il trucchetto della perdita di memoria. Mai dai tempi di Smallville questo espediente fu così usato -__-

      Elimina